L'infinito nel finito

E' possibile rappresentare l'infinito attraverso una gif? La mia ricerca si è incentrata sul dare una risposta a questa domanda, sfruttando le possibilità offerte dall'uso del loop in situazioni diverse.

L'onda

In questa prima gif mi sono concentrato sull'alternanza tra stato di quiete e di moto. L'elemento che rompe l'equilibrio è un'onda che fa muovere per qualche instante ogni elemento presente nella scena e, una volta terminata, si ritorna alla situazione iniziale. Inoltre dallo stato solido si passa ad una sorta di stato liquido rappresentato dalle crespature dell'onda. Questa semplice alternanza, pur sfruttando una gif di pochi secondi, potrebbe durare potenzialmente all'infinito.



L'ingranaggio

L'idea alla base di questa gif è la stessa della precedente, l'alternanza, ma qui troviamo due elementi distinti che possono assumere due stati: le sfere che possono essere volanti o collocate nell'ingranaggio e quest'ultimo che può scorrere a destra o a sinistra. Il sistema sembra quasi scandire il passare dei secondi, in modo continuo e infinito.

Il flusso

Dall'alternanza si passa così alla continuità rappresentata da questa gif: l'acqua, rappresentata in uno stato “solido”, scorre da un lato all'altro della vasca all'infinito. Non c'è un particolare stato iniziale o finale, il flusso è in balia di se stesso, per sempre.

La scala

Un cubo rosso tenta di scendere una scala, ci riuscirà? Se prima abbiamo parlato solo di tempo, adesso dobbiamo introdurre una nuova dimensione, lo spazio. Il cubo troverà sempre un gradino successivo su cui saltare, per tutta la durata della gif che, come detto prima, è potenzialmente infinita. Quindi anche la scala è infinita e di conseguenza lo spazio, perciò il cubo rimarrà su quella scala in eterno.

Il Tunnel

Dal tempo ci siamo quindi spostati allo spazio. Questa volta è lo spettatore il soggetto principale della gif e non più un elemento interno ad essa. Questo si ritrova proiettato al centro di un tunnel che sta percorrendo ma di cui non vedrà mai la fine. Anche questa volta ci troviamo di fronte ad un paradosso: in un'immagine finita è presente un elemento senza fine, un tunnel che rappresenta uno spazio infinito.

Daniele Di Donato